Caricamento in corso...

Ora chistu è progressu Commedia in dialetto siciliano di Egidio Pucci Regia di Nino Zappalà

1 / 39 prev | next
2 / 39 prev | next
3 / 39 prev | next
La trinca fuori misura
Zu' Martino commenta con Nino la trinca fuori misura
4 / 39 prev | next
Nino
Nino, garzone di bottega alla macelleria di Zu' Martino
5 / 39 prev | next
Diagnosi: morbo di Popoff
Il medico che controlla le analisi di Zu' Martino e diagnostica il male incurabile: morbo di Popoff
6 / 39 prev | next
Zu' martino e il medico
7 / 39 prev | next
Ricette
Il medico prescrive a Martino una serie lunghissima di medicine
8 / 39 prev | next
Il medico e Mariannina
Mariannina, la cameriera di Zu' Martino ascolta sconfortata la cruda realtà della malattia
9 / 39 prev | next
Zu' martino e Mariannina
Mariannina incoraggia Zu' Martino ad andare fino in fondo e tentare un intervento chirurgico
10 / 39 prev | next
Futuri sposi
Zu' Martino con i due futuri sposi: Nannina, figlia di Mariannina, in dolce attesa e Nino
11 / 39 prev | next
Col contagocce
Mariannina prende alla lettera le prescrizioni del medico: Zu' Martino deve mangiare "col contagocce" !!
12 / 39 prev | next
Nannina
Nannina la figlia di Mariannina
13 / 39 prev | next
Mariannina e Nannina
14 / 39 prev | next
Zu' Martino
Zu' Martino, con le analisi in mano, è rassegnato: la malattia è ineluttabile
15 / 39 prev | next
Zu' Martino
16 / 39 prev | next
Zu' Martino e il Cavaliere Toscano
Zu' Martino riceve la visita dell'impresario delle pompe funebri
17 / 39 prev | next
Il Cavaliere Toscano
Il Cavaliere Toscano, impresario funebre
18 / 39 prev | next
Mariannina e il Cavaliere Toscano
Il Cavaliere Toscano espone a Mariannina tutti i dettagli della sua proposta
19 / 39 prev | next
Mariannina e il Cavaliere Toscano
Ancora il Cavaliere Toscano con la sua particolare gestualità, insieme a Mariannina
20 / 39 prev | next
Zu' martino e Mariannina
21 / 39 prev | next
Mariannina
22 / 39 prev | next
23 / 39 prev | next
24 / 39 prev | next
25 / 39 prev | next
26 / 39 prev | next
27 / 39 prev | next
28 / 39 prev | next
29 / 39 prev | next
30 / 39 prev | next
31 / 39 prev | next
32 / 39 prev | next
33 / 39 prev | next
34 / 39 prev | next
35 / 39 prev | next
36 / 39 prev | next
37 / 39 prev | next
38 / 39 prev | next
39 / 39 prev | next

Commedia brillante in tre atti scritta da Egidio Pucci, mio nonno materno, messa in scena dalla compagnia teatrale Franco Zappalà di Palermo. Protagonista è "Zu' Martino" (interpretato da Nino Zappalà) un macellaio della Vucciria al quale viene diagnosticato un male incurabile: il morbo di Popoff. Zu' Martino ha una governante, Mariannina, la cui figlia Nannina, scopre di essere incinta dalla relazione con Nino, il garzone di bottega di Zu Martino. Una serie di divertenti personaggi si avvicendano sulla scena per i motivi più disparati: il medico che gli prescrive una cura infinita di farmaci improbabili, l'impresario funebre che gli sottopone il catalogo delle casse da morto più "belle" con uno sconto particolare perchè sta trattando direttamente con l'interessato, il commerciante di organi che gli chiede una firma a condizioni "molto vantaggiose". C'è anche chi è interessato ai suoi abiti perché tanto non gli servono più. La commedia ha temi molto attuali, nonostante sia stata scritta alla fine degli anni '60.
Conservo un ricordo molto nitido di mio nonno Egidio, nonostante siano passati quarant’anni da quando ci ha prematuramente lasciato ed io ero un bambino di appena sei anni. Ha scritto numerose commedie, romanzi e fiabe, delle quali una, il Castello dei Rospi vinse la medaglia d’oro al premio Andersen nel 1968. Lo ricordo nel suo studio, con la sua immancabile macchina per scrivere con i fogli separati dalla carta carbone. Era una persona molto allegra e divertente, imitava benissimo Totò ed era uno spasso soprattutto per un bambino come me all’epoca. Ma la cosa che ricordo con più affetto è che lui amava intrattenersi a giocare con me. Chissà quante volte l'ho interrotto mentre scriveva questa commedia, eppure non ricordo mai di avergli sentito dire: "adesso vai di là che il nonno deve lavorare"...